Sanità. Medici e pediatri preoccupati per ritardo nuovo Piano vaccini

31 marzo 2016 - Dov'è finito il nuovo Piano nazionale vaccini? Se lo chiedono pediatri, medici di famiglia e società d'igiene, che denunciano il ritardo nell'approvazione e, per questo, chiedono un incontro urgente con il ministro della salute Beatrice Lorenzin. "Il vecchio Piano vaccini è scaduto nel 2014 - affermano in una nota congiunta le due società scientifiche Siti (Società italiana di igiene) e Sip (Società italiana di pediatria) e i due sindacati Fimp (Federazione italiana medici pediatri) e Fimmg (Federazione italiana del medici di medicina generale) -, la bozza del nuovo da 10 mesi rimbalza tra Conferenza Stato-Regioni, ministeri della Salute ed Economia. E intanto le Regioni approvano nuovi calendari, tutti diversi, che accentuano le difformità delle offerte vaccinali". Una situazione insostenibile che va affrontata senza più rinvii: "Abbiamo chiesto un incontro urgente al ministro Beatrice Lorenzin - fanno sapere le sigle, che stanno lavorando a una nuova versione del calendario vaccinale che verrà pubblicata prossimamente - per fornire tutti gli eventuali contributi tecnici per superare eventuali residui ostacoli oltre che essere informati sull'iter del Piano". I Medici e i pediatri si dicono molto preoccupati per il ritardo nell'approvazione definitiva del nuovo Piano di prevenzione vaccinale 2016-18 e sottolineano "i costi sanitari della non vaccinazione".