Mutua Casagit Salute, Daniele Cerrato: “Cambiare e aprirsi, per conservare la nostra autonomia”

In occasione di un convegno organizzato a Roma (sala conferenze Camera dei Deputati) su giornalismo e pericoli dell’improvvisazione on line, il presidente Daniele Cerrato ha illustrato il percorso che ha portato alla nascita della Società Nazionale di Mutuo Soccorso Casagit Salute.

31 gennaio 2020 - Il giornalismo, la deontologia professionale e l’informazione sul web: la certezza delle competenze e i pericoli dell’improvvisazione on line. Se ne è discusso stamattina a Roma, nella Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati, in un convegno organizzato dall’Università popolare per le scienze sociali e della comunicazione (Conscom) valido come corso di formazione per i giornalisti (6 crediti Sigef). L’innovazione tecnologica, il web e i social media pongono una serie di criticità e sfide al giornalismo tradizionale e all’editoria. In attesa di un modello di business condiviso e sostenibile, la Rete si popola ogni giorno di opportunità ma anche di “bufale”, fake news e fenomeni di disintermediazione che mettono in discussione ruolo e figura dell’operatore dell’informazione.

«Il giornalismo, ormai “inseguito” dalle notizie piuttosto che a caccia di news, viene sempre più spesso compresso e ridimensionato. Dopo 45 anni di vita come fondo riservato ai giornalisti, anche per la stessa Casagit non c’era più la possibilità di immaginare un futuro a lungo termine se non cambiando pelle: il processo di trasformazione, lungo e complesso, è culminato l’11 dicembre scorso con la nascita della Società Nazionale di Mutuo Soccorso Casagit Salute», ha spiegato Daniele Cerrato, presidente Casagit Salute. «Una mutua aperta e sul mercato può ricevere adesioni anche da soggetti che giornalisti non sono, e accogliere così nuovi enti e popolazioni. Ma conservando gli obiettivi e i valori di sempre: fornire assistenza sanitaria, all’insegna della solidarietà. Un’apertura che non pregiudica l’autonomia della categoria, anzi: la governance della mutua Casagit Salute rimane saldamente nelle mani dei giornalisti. Perché senza questa autonomia, è poi difficile mantenere quel fondamentale distacco professionale dalle notizie che si trattano».

L’incontro è stato l’occasione per illustrare le tecniche di comunicazione pubblica e promozione che Casagit Salute sta dedicando ai giornalisti, per favorire l’avvicinamento della categoria ai profili di assistenza. Come ha sottolineato Massimo Di Russo (responsabile attività di promozione Casagit Salute), anche in questo caso la credibilità della notizia rappresenta uno dei valori fondamentali da assicurare e veicolare, per garantire il miglior esito possibile delle campagne di comunicazione.

Oltre a Daniele Cerrato e Massimo Di Russo, hanno partecipato e sono intervenuti al convegno Andrea Camporese (presidente emerito dell’Inpgi), Lorenzo Del Boca (presidente emerito dell’Ordine nazionale dei giornalisti e della Fnsi e direttore della Stampa Diocesana Novarese), Stefano Fabbri (consigliere nazionale Fnsi, già capo della redazione Ansa di Firenze), Carlo Parisi (segretario generale aggiunto Fnsi) e Maurizio Lozzi (consigliere Odg Lazio).