“Per comunicare non basta un click”: raccontare lo sport, il web e il welfare sanitario

4 luglio 2019 - Passato, presente e futuro della Casagit, sempre con il timone rivolto al welfare di categoria. Il corso di formazione professionale “Per comunicare non basta un click” - organizzato a Roma dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (Cnog), in collaborazione con la Scuola dello sport del Coni e col contributo dell’Unione stampa sportiva Italiana (Ussi), dell’Istituto di previdenza dei giornalisti (Inpgi) e dalla Cassa di assistenza dei giornalisti (Casagit) - è stata l’occasione per fare il punto sui recenti cambiamenti e sull’offerta dei servizi che oggi Casagit è in grado di offrire a colleghe e colleghi.

Nella mattina di giovedì 4 luglio, Giampiero Spirito (presidente Casagitservizi srl, al centro nella foto) ha ripercorso e illustrato i 45 anni di storia della Cassa dei giornalisti, fino alle più recenti evoluzioni che hanno portato alla nascita della Fondazione Casagit e che culmineranno nella definitiva trasformazione della Casagit in Società di Mutuo Soccorso: uno strumento con cui la Cassa metterà la propria esperienza e le proprie competenze a disposizione di altre professioni e dei singoli cittadini.

Ma fare welfare significa anche comunicare. Massimo Di Russo (responsabile Servizi Generali di Casagit, a sinistra nella foto) ha quindi presentato le ultime campagne di comunicazione rivolte al welfare della categoria: la Card Open Giornalisti e la recente convenzione Inpgi-Casagit (al corso erano presenti alcuni colleghi già iscritti al profilo W-IN), entrambe nuove forme di tutela e assistenza sanitaria per chi esercita la libera professione giornalistica.

Il ciclo di seminari in programma il 3, 4, 5 e 9 luglio presso la Scuola dello sport del Coni a Roma (23 crediti formativi) intende raccontare lo sport, il web, le social news, il welfare sanitario, l'online di un quotidiano nazionale e la cura dell’immagine di personaggi e avvenimenti.